TFA e Italiano L2

Un gruppo di abilitati in Italiano L2 – Spettabile redazione, nel ringraziarvi per l’ottimo servizio che offrite alla comunità scolastica, vi chiediamo la cortesia di pubblicare questa nostra riflessione in seguito alla lettura di un intervento del 6 agosto a proposito dell’insegnamento di cinese, in cui alcune nostre colleghe hanno, giustamente, rivendicato la presenza di docenti già abilitati nel nono ciclo delle SSIS a Venezia, per tale disciplina.

I sindacati vogliono far entrare al TFA anche chi non ha studiato

inviato da Marina – Salve, sono un’aspirante docente che è passata, già nella prima fase, al test preliminare TFA (A060). Come l’ho passato? studiando. Non era così terribile, bastava studiare e ragionare. Le domande non erano così astruse tranne 4 e su altre si arrivava comunque alla giusta risposta. E’ un’anno che mi ci dedico ed ho ottenuto un risultato discreto. Un anno di sacrifici e di studio per vedermi sorpassare da chi non ha aperto libro!

Non posso darti nulla, ma se vorrai studiare farò di tutto perché tu riesca a farlo…

inviato da Cassandra – Gentile Redazione, così diceva mio padre. E io ho voluto studiare, studiare quei Libri e quella Letteratura che mi facevano sognare, che amavo, che per me erano più importanti di qualunque altra cosa al mondo. I miei amici, i miei compagni di viaggio, il mio tutto. I suoi sacrifici, insieme a quelli di mia madre, mi hanno concesso di farlo. Ci credevo che studiando per davvero sarei riuscita ad ottenere la sola cosa che mi importava: L’INDIPENDENZA, LA LIBERTA’.