Geografia e TFA, distribuzione posti

Pubblichiamo un articolo inviatoci da Alessandro Santini sulle problematiche relative alla distribuzione a livello nazionale dei posti di TFA relativi all’insegnamento della Geografia. L’articolo sarà pubblicato sul numero 2/2012 della rivista dell’AIIG (Associazione Italiana Insegnanti di Geografia) “Geografia nelle Scuole”.

Una vita di lavoro potrebbe essere buttata alle ortiche da un test a crocette

Giovanni – Sono un docente precario NON ABILITATO che opera all’interno della scuola pubblica in Trentino ormai da anni e ci tengo a sottolineare da subito che non è mia intenzione additare o condannare nessuno e tantomeno scatenare “lotte tra poveri”. Sento solo il bisogno di segnalare un’altra assurda contraddizione che genera disparità e ingiustizia nel nostro settore, facendomi sentire ancora di più vittima di questo sistema.

Il 21 aprile tutti a Milano contro la chiamata diretta

Vito Meloni Responsabile nazionale scuola PRC-SE – Rifondazione Comunista aderisce alla manifestazione nazionale della scuola che si terrà il 21 aprile a Milano. È evidente a tutti che c’è un filo che lega la legge regionale della Lombardia, che prevede la chiamata diretta degli insegnanti da parte delle scuole, la proposta di legge Aprea che sta per essere approvata dalla Camera, e la politica scolastica del governo, che sta proseguendo senza soluzione di continuità sulla strada tracciata dalla Gelmini e da Tremonti.

21 aprile: Manifestazione nazionale a Milano contro chiamata diretta, scuola-azienda e regionalizzazione scuola pubblica

Coordinamento Lavoratori scuola – La legge Formigoni-Aprea sulla "chiamata diretta" degli insegnanti precari da parte dei presidi è passata in Lombardia e si vorrebbe renderla operativa già dal prossimo anno scolastico. Si vuole così cancellare le graduatorie pubbliche e trasparenti e i diritti acquisiti di noi insegnanti, ledere la libertà di insegnamento e rendere sempre più ricattabili i lavoratori della scuola.

Accesso al corso di specializzazione per insegnanti di sostegno: abilitazione o idoneità?

Prof. Donatello Ciardo – Il Ministero della Pubblica Istruzione, con D.M. 30 settembre 2011, ha autorizzato le università ad attivare specifici percorsi formativi, per il conseguimento della specializzazione per il sostegno agli alunni diversamente abili, riservati a docenti in possesso di “abilitazione” all’insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione per le attività di sostegno.

Convegno a Padova “Le didattiche disciplinari nella formazione universitaria degli insegnanti. La sfida degli apprendimenti”

red – Il Convegno ha l’obiettivo di accendere il dibattito sulla didattica delle diverse discipline, facendone conoscere studi, ricerche e buone pratiche. Il convegno giunge alla vigilia dell’avvio del Tirocinio Formativo Attivo, corso universitario di preparazione iniziale degli insegnanti che vedrà la collaborazione stretta tra università e scuole del territorio.

Non creiamo divisioni tra 360isti e non

Fabio Albanese – CaroBerardo, ho letto la tua lettera. Purtroppo temo che né il Ministro Profumo né i tanti signori che abitano al Ministero la prenderanno in considerazione. Forse qualcuno si farà pure una risata alle spalle di una categoria di docenti ritenuti non qualificati ma spremuti per far funzionare la scuola.